logo-sacro-cuore
MASTER IN DIRITTO PENALE DELL’IMPRESA
Università Cattolica del Sacro Cuore
Città Milano
Costo 12 €
Durata 8000 Mesi
Stage SI

Il Master in Diritto Penale dell’Impresa nasce su iniziativa della Facoltà di Giurisprudenza e del Centro Studi “Federico Stella” sulla Giustizia penale e la Politica criminale.

Il Master si caratterizza per un profilo di estrema innovatività, offrendo ai partecipanti un insegnamento di alto livello scientifico e di carattere interdisciplinare, rivolto all’analisi dei problemi teorici e pratici in materia di Diritto penale dell’economia.
Il Master in Diritto Penale dell’Impresa ha la finalità di formare figure altamente specializzate, che si possano confrontare consapevolmente nel settore professionale o aziendale con i temi del diritto penale economico.
I principali ambiti del diritto penale commerciale (il diritto penale societario, tributario, finanziario, la responsabilità degli enti ai sensi del d.lgs. 231/01), nonché gli aspetti che caratterizzano il processo per reati economici saranno analizzati attraverso moduli tematici, nei quali professori universitari, magistrati e professionisti esperti della materia illustreranno il quadro normativo e le problematiche interpretative con particolare attenzione all’integrazione tra teoria e prassi giurisprudenziale e tra diritto penale e istituti extrapenalistici di riferimento.
L’attenzione ai problemi della pratica, inoltre, è garantita da costanti esercitazioni sul materiale giurisprudenziale più recente e più rilevante in materia.

La disciplina penale dell’impresa rappresenta un settore in continua evoluzione, destinato a occupare sempre più spazio nella prassi giudiziaria.
L’intervento penalistico coinvolge molteplici settori e “momenti” dell’attività d’impresa. Accanto ai “classici” – ma non per questo meno fluidi – temi del diritto penale fallimentare, societario, tributario e del lavoro, hanno assunto negli ultimi decenni sempre più rilievo ulteriori profili dell’attività economica, frutto di mutamenti profondi sia nella produzione e circolazione dei capitali, sia nella sensibilità del legislatore rispetto alla realtà d’impresa e al suo impatto sulla società moderna.
I recenti scandali e la finanziarizzazione della ricchezza a livello globale, da una parte, così come la consapevolezza del ruolo e della responsabilità dell’attività d’impresa nella società, dall’altra, hanno accresciuto l’impatto regolativo del diritto penale dell’impresa. Divengono, così, nevralgici i temi del diritto penale finanziario, del contrasto alla circolazione dei capitali illeciti, della criminalità informatica, della responsabilità ambientale e, soprattutto, il tema della responsabilità “amministrativa” dell’ente ai sensi del d.lgs. 231/01.
Una sicura padronanza della materia è indispensabile non solo per chi eserciti le tradizionali professioni forensi, ma anche per chi operi a vario titolo all’interno delle imprese. Molteplici scelte aziendali presuppongono, infatti, una chiara consapevolezza del confine fra condotte penalmente lecite e illecite: assai spesso, però, tracciare tale confine appare arduo anche per i professionisti del settore. Il Corso mira a fornire gli strumenti per superare difficoltà di tal genere, attraverso un approccio innovativo alla materia, un attento studio sistematico e un valido aggiornamento rispetto ai trend giurisprudenziali.
La complessità dei problemi che il diritto penale dell’impresa getta sul tavolo di lavoro dei
professionisti reclama un approccio inevitabilmente interdisciplinare. Il Master coniuga il rigore scientifico e l’indispensabile sensibilità pratica con un serrato confronto con il sapere criminologico, economico-aziendale, civilistico, commerciale, finanziario, amministrativo, etc., che rendono possibile la comprensione del retroterra empirico sul quale è chiamato a intervenire, non sempre con sapienza chirurgica, il diritto penale.
Coinvolgendo i maggiori esperti italiani della materia, provenienti dal mondo accademico, dalla magistratura, dall’impresa e dalle professioni, il Master intende formare figure professionali altamente specializzate nel settore del diritto penale dell’impresa.
L’approfondita disamina della normativa e della giurisprudenza penale e delle essenziali nozioni extra-penalistiche di base sarà accompagnata da continue e mirate esercitazioni pratiche.

Obiettivi
Al termine del Master ciascun partecipante avrà maturato una solida conoscenza:

  • della normativa penalistica nazionale e internazionale che regola le attività d’impresa
  • degli istituti extrapenalistici complementari, contigui e integrativi della normativa penalistica
  • dei temi e delle problematiche di maggior rilievo pratico
  • delle tecniche utili per affrontare un procedimento penale in materia economica
  • delle prospettive di riforma.

Destinatari
Il Master è rivolto a:

  • Laureati in Giurisprudenza, Economia e Scienze Politiche, secondo gli ordinamenti didattici precedenti all’entrata in vigore del D.M. 509/1999.
  • Coloro che sono in possesso di diploma di laurea specialistica delle classi LM052 LM056 LM077 LM081 LM087 LM088 LMG01 22S, nonché coloro che, pur in possesso di un titolo diverso, risultino, previa valutazione, aver compiuto un percorso di studio idoneo alla partecipazione al corso.

Contenuti
Il Master prevede una didattica articolata in moduli.
Per ciascun modulo si prevedono lezioni frontali con approfondimenti teorici e metodologici, nonché esercitazioni pratiche.
Sono previste 330 ore di didattica, comprensive della partecipazione a un convegno inaugurale di 5 ore.
È inoltre prevista la presenza di un tutor d’aula con compiti di assistenza e supporto organizzativo.
I partecipanti al Master avranno la possibilità, in considerazione delle richieste, di svolgere uno stage formativo presso primari studi legali e uffici legali di aziende.
Il corso di Master universitario in “Diritto Penale dell’Impresa” prevede una prova finale consistente in una discussione orale o nella presentazione di un paper.
A coloro che avranno ultimato il percorso formativo previsto e superato le relative prove sarà rilasciato il titolo di Master universitario di secondo livello in “Diritto Penale dell’Impresa”.
Il Corso si articola in circa 40 moduli.
Verranno affrontate le principali tematiche relative a:

  • reati societari e fallimentari
  • diritto penale finanziario
  • diritto penale tributario
  • tutela penale della sicurezza sui luoghi di lavoro
  • diritto penale dell’ambiente
  • responsabilità amministrativa degli enti ex d.lgs. 231/2001
  • normativa antiriciclaggio
  • criminalità informatica e tutela dei dati sensibili.

Note

Durata 1 anno, da ottobre a settembre. Frequenza: 9,5 ore settimanali. Ven. 14,30 - 19,30 e Sab. 9,00 - 14,00 Stage A richiesta dei partecipanti il Corso prevede un periodo di stage presso primari studi legali e uffici legali di imprese. Il Master avrà inizio il 26 ottobre 2012 con un Convegno inaugurale sulle principali e più attuali tematiche del Diritto Penale dell'Impresa. Partners: Il Master è organizzato in collaborazione con Fondazione Italcementi Cav. Lav. Carlo Pesenti, Giuffrè Editore S.p.A. e Saras S.p.A. Il Master è stato accreditato presso l'Ordine degli Avvocati di Milano e presso l'Ordine dei Dottori commercialisti ed Esperti contabili di Milano. Borse di studio e finanziamenti "Lo Studio Legale "Lodovico Isolabella della Croce" ha deciso di erogare, in accordo con il CSGP, una borsa di studio per la partecipazione al Master. Per il bando e per maggiori informazioni clicca qui". L’Associazione dei Componenti degli Organismi di Vigilanza ex D.Lgs. 231/2001 (AODV231) collabora con il Centro Studi Federico Stella nel modulo didattico dedicato alla “responsabilità amministrativa degli enti ex d.lgs. 231/2001”. Assegnerà, inoltre, un premio del valore di 2.500,00 euro a uno studente ammesso all’edizione 2012-2013, che si dimostri meritevole e necessiti di sostegno economico.

9 opinioni su “MASTER IN DIRITTO PENALE DELL’IMPRESA”

  1. Domenico Bove scrive:

    Buongiorno, quando dovrebbe iniziare questo master?

    1. Redazione scrive:

      Ciao, ti conviene monitorare la pagina del master. E’ ancora in corso l’edizione 2014/2015.

    2. MiDPI scrive:

      Sono già aperte le iscrizioni per la quarta edizione; il Corso inizierà a dicembre. Tutte le informazioni sono disponibili sul sito http://milano.unicatt.it/master/diritto-penale-dell-impresa-2015

  2. arianna moccia scrive:

    Buonasera, vorrei avere opinioni in merito al master. Grazie.

  3. elisabetta scrive:

    Buonasera, anche io avrei bisogno di confrontarmi con qualcuno in merito a questo master…ciò che mi lascia più perplessa è la selezione sbrigativa e molto poco impegnativa, si limitano a valutare il cv e basta. senza colloquio o test attitudinali, nemmeno una lettera di motivazione. inoltre c’è la possibilità di richiedere la borsa di studio solo dopo essersi immatricolati e quindi aver pagato i 500e….ora tutto questo va benissimo se il master è valido, perciò mi sarebbe davvero utile l’opinione di qualcuno che lo ha frequentato, grazie :)

  4. Babbo scrive:

    Ciao ragazzi. Sapreste per cortesia darmi qualche info su questo master?

  5. fabio scrive:

    Non lo consiglio assolutamente. Nessun taglio pratico (soprattutto in ambito 231). E’ una ripetizione di quanto già fatto all’Università. Pessimo anche il rapporto con studi legali e aziende: nell’edizione in corso (2017-2018) solo un numero sparuto di corsisti (siamo oltre 40) ha avuto possibilità di inserimento tramite stage. Risparmiate 8000€.

    1. Saverio scrive:

      Buonasera, Fabio ho letto il tuo commento. Io sto per immatricolarmi. E’ davvero così male? In realtà io avevo pensato di iscrivermi al master in “Diritto Penale d’Impresa” indetto dalla LUISS che sembra un po’ più organizzato anche perché prevede prove intermedie con votazione e tesi finale con votazione in centodecimi, circostanza che potrebbe comportare una selezione rispetto agli altri partecipanti del master.
      Ne hai sentito parlare? Grazie a chiunque vorrà rispondermi.

  6. Fabio scrive:

    Saverio, lascia perdere.. Pure quello in cattolica ha prove intermedie e prova finale ma non c’è alcuna selettività.