uniba2
MASTER IN SALUTE, SICUREZZA ALIMENTARE E POLITICHE RELATIVE PER L’AREA MEDITERRANEA – HEFSA
Università degli Studi di Bari "Aldo Moro"
Città Bari
Costo 3000 €
Durata 12 Mesi
Stage NO

Il Master in Salute, sicurezza alimentare e politiche relative per l’area mediterranea – HEFSA è un master di I livello promosso dal Dipartimento di Scienze del suolo, della pianta e degli alimenti dell’Università degli Studi di Bari.

Obiettivi
La “Health and Food Safety” deve garantire una minima protezione da malattie e stili di vita scorretti. La corretta nutrizione, derivante dalla disponibilità di cibo prodotto in modo eco-sostenibile e alimenti preparati e conservati adeguatamente, è in grado non solo di prevenire l’insorgere di malattie, ma anche di promuovere il buono stato di salute. Obiettivo del Master è di formare figure professionali con competenze nel settore agrario e medico-biologico, che possano suggerire ai propri governanti opportune modifiche delle regolamentazioni vigenti nell’areale mediterraneo, inerenti: l’insegnamento e la conoscenza delle migliori modalità di produzione, conservazione ed utilizzazione delle produzioni agrarie e degli alimenti, il rilievo di patologie legate a malnutrizione per difetto o per eccesso, l’analisi comparata delle abitudini e dell’organizzazione alimentare, promuovendo corrette strategie di politica agraria, socio-sanitaria, alimentare e nutrizionale.

Destinatari

  • LAUREE ANTE D.M. 509: Biotecnologie agrarie-vegetali, Biotecnologie agro-industriali, Biotecnologie farmaceutiche, Biotecnologie mediche, Biotecnologie veterinarie, Chimica e tecnologia farmaceutiche, Comunicazione internazionale, Discipline economiche e sociali, Economia delle amministrazioni pubbliche e delle istituzioni internazionali, Farmacia, Ingegneria biomedica, Ingegneria medica, Medicina e chirurgia, Medicina veterinaria, Scienze agrarie, Scienze agrarie tropicali e sub-tropicali, Scienze biologiche, Scienze della produzione animale, Scienze delle preparazioni alimentari, Scienze e tecnologie agrarie, Scienze e tecnologie alimentari, Scienze e tecnologie delle produzioni animali
  • DIPLOMA UNIVERSITARIO DI DURATA TRIENNALE: Analisi chimico-biologiche, Biologia, Biotecnologie agro-industriali, Biotecnologie agro-industriali, Dietista, Dietologia e dietetica applicata, Economia del sistema agro-alimentare e dell’ambiente, Economia e amministrazione delle imprese agricole, Educatore nelle comunità infantili, Educatori di comunità, Educatori professionali, Gestione delle imprese alimentari, Gestione tecnica e amministrativa in agricoltura, Igiene e sanità animale, Ingegneria biomedica, Operatore della pubblica amministrazione, Operatore della sicurezza e del controllo sociale, Produzioni animali, Produzioni vegetali, Scienze infermieristiche, Tecnico sanitario di laboratorio biomedico, Tecnologie alimentari, Tecnologie farmaceutiche, Viticoltura ed enologia
  • CLASSI DELLE LAUREE TRIENNALI: L-2 – Classe delle lauree in biotecnologie, L/SNT4 – Classe delle lauree in professioni sanitarie della prevenzione, SNT/4-Classe delle lauree in professioni sanitarie della prevenzione, L/SNT3 – Classe delle lauree in professioni sanitarie tecniche, SNT/3-Classe delle lauree in professioni sanitarie tecniche, L/SNT1 – Classe delle lauree in professioni sanitarie, infermieristiche e professione sanitaria ostetrica, SNT/1-Classe delle lauree in professioni sanitarie, infermieristiche e professione sanitaria ostetrica, 12-Classe delle lauree in scienze biologiche, L-13 – Classe delle lauree in scienze biologiche, 33-Classe delle lauree in scienze delle attivita motorie e sportive, L-22 – Classe delle lauree in scienze delle attività motorie e sportive, L-25 – Classe delle lauree in scienze e tecnologie agrarie e forestali, 20-Classe delle lauree in scienze e tecnologie agrarie, agroalimentari e forestali, L-26 – Classe delle lauree in scienze e tecnologie alimentari, 24-Classe delle lauree in scienze e tecnologie farmaceutiche, L-29 – Classe delle lauree in scienze e tecnologie farmaceutiche, 40-Classe delle lauree in scienze e tecnologie zootecniche e delle produzioni animali, L-38 – Classe delle lauree in scienze zootecniche e tecnologie delle produzioni animali
  • CLASSI DELLE LAUREE SPECIALISTICHE D.M. 509: 6/S-Classe delle lauree specialistiche in biologia, 7/S-Classe delle lauree specialistiche in biotecnologie agrarie, 9/S-Classe delle lauree specialistiche in biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche, 14/S-Classe delle lauree specialistiche in farmacia e farmacia industriale, 46/S-Classe delle lauree specialistiche in medicina e chirurgia, 47/S-Classe delle lauree specialistiche in medicina veterinaria, 53/S-Classe delle lauree specialistiche in organizzazione e gestione dei servizi per lo sport e le attivita motorie, 69/S-Classe delle lauree specialistiche in scienze della nutrizione umana, 77/S-Classe delle lauree specialistiche in scienze e tecnologie agrarie, 78/S-Classe delle lauree specialistiche in scienze e tecnologie agroalimentari, 79/S-Classe delle lauree specialistiche in scienze e tecnologie agrozootecniche, SNT_SPEC/1-Classe delle lauree specialistiche nelle scienze infermieristiche e ostetriche, SNT_SPEC/2-Classe delle lauree specialistiche nelle scienze delle professioni sanitarie della riabilitazione, SNT_SPEC/3-Classe delle lauree specialistiche nelle scienze delle professioni sanitarie tecniche, SNT_SPEC/4-Classe delle lauree specialistiche nelle scienze delle professioni sanitarie della prevenzione
  • CLASSI DELLE LAUREE MAGISTRALI D.M. 270: LM-6-Biologia, LM-7-Biotecnologie agrarie, LM-9-Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche, LM-13-Farmacia e farmacia industriale, LM-41-Medicina e chirurgia, LM-42-Medicina veterinaria, LM-61-Scienze della nutrizione umana, LM-69-Scienze e tecnologie agrarie, LM-70-Scienze e tecnologie alimentari, LM-81-Scienze per la cooperazione allo sviluppo, LM-86-Scienze zootecniche e tecnologie animali, LM/SNT1-Scienze infermieristiche e ostetriche, LM/SNT2-Scienze riabilitative delle professioni sanitarie, LM/SNT3-Scienze delle professioni sanitarie tecniche, LM/SNT4-Scienze delle professioni sanitarie della prevenzione
  • ALTRI TITOLI: Lauree equipollenti rilasciate da Università della U.E. o da Università di Paesi non U.E. del bacino del Mediterraneo.

Requisiti preferenziali per l’ammissione:

  • Voto di laurea: sino ad un massimo di 20p.
  • Master considerata l’attinenza, sino ad un massimo di 20p.
  • Esperienze di lavoro documentate in corso e/o pregresse considerata l’attinenza sino ad un massimo di 30p.
  • Altri titoli: sino ad un massimo di 20p.
  • Grado di conoscenza della lingua inglese certificata: sino ad un massimo di 10 p.

Sbocchi occupazionali
Nell’area mediterranea, caratterizzata dalla contemporanea presenza di Paesi industrializzati e società pre-industriali, sussiste un diverso grado di sicurezza alimentare e una diversa consapevolezza dell’opinione pubblica sulla salvaguardia della salute. Infatti, in detta area sono presenti scenari alimentari, nutrizionali e dietologici completamente differenti e, spesso, i costumi alimentari determinano importanti patologie. Nelle società preindustriali sussistono malattie di origine infettiva e parassitaria, dovute alla scarsa igiene dell’ambiente ed, a volte, alla difficoltà di reperire gli alimenti in modo quanti-qualitativamente sufficiente. In dette società la cultura degli alimenti e la sanità pubblica potrebbero derivare grande giovamento dall’attuazione di strategie e campagne di sensibilizzazione, condotte in modo organizzato dai Governi di quei Paesi, volte ad accrescere la salubrità degli ambienti di produzione e conservazione del cibo e degli alimenti e alla diffusione di informazioni relative ai basilari e corretti regimi alimentari da adottare. Nelle società industriali l’abbondante reperibilità, disponibilità e variabilità dei cibi e degli alimenti, concorrono a determinare malattie soprattutto a carattere degenerativo, devastanti sia dal punto di vista personale che sociale. Anche in questo caso appare fondamentale poter fornire all’opinione pubblica utili e corrette informazioni alimentari, suggerendo limitazioni nell’assunzione di cibo e diete maggiormente equilibrate.
Da quanto esposto appare evidente come l’intero territorio mediterraneo possa essere interessato all’attuazione di strategie e politiche sanitarie, agricole, alimentari e nutrizionali che promuovano la produzione sostenibile ed ecocompatibile di cibo e la corretta conservazione degli alimenti al fine di prevenire l’insorgere di malattie e favorire il buono stato di salute dei cittadini. Dunque, si ritiene vi sia un importante bisogno da parte dei citati territori e dei rispettivi Governi di significative domande formative, che curino l’approfondita preparazione di discenti nel settore agrario, per la produzione e conservazione agro-sostenibile del cibo e degli alimenti, e nel settore medico e dietologico, al fine di formare operatori esperti e motivati in grado di incidere sulle politiche sanitarie e alimentari dei propri Paesi, suggerendo sia itinerari agronomici, dietetici e salutistici sicuri sia la modifica o l’abolizione di abitudini alimentari inadeguate.
La domanda potenziale di formazione riferibile al Master, anche se di difficile quantificazione all’unità, è certamente ampia e differenziata. Per offrire un’idea di ordine quantitativo su di essa si può considerare che, sommando la popolazione dell’Europa mediterranea e quella dell’arco afro-asiatico dello stesso bacino, i potenziali beneficiari di un programma di alta formazione, come quello in cui si inserisce il Master, ammonta a 400 milioni di persone. Se si adottasse un rapporto-obiettivo di 1:10.000 abitanti, tra operatori ed esperti direttamente coinvolti nell’educazione culturale e produttiva e nelle funzioni di controllo della salute pubblica, e popolazione residente, il fabbisogno teorico di operatori potenzialmente interessati al Master è calcolabile in 40.000 unità. Si tratta di un ampio bacino di domanda, con diversi fabbisogni formativi secondo le aspettative di impiego e del grado di formazione posseduto dai discenti. Infatti, al Master potrebbero essere interessati giovani appena usciti dalle università e non ancora inseriti nel mondo del lavoro, specialisti di discipline collaterali, che vogliano integrare le proprie conoscenze scientifiche e l’originaria specializzazione, funzionari e dirigenti della sanità pubblica e di strutture sanitarie private, Ordini professionali, industrie agro-alimentari. In base a queste considerazioni, il Master offre un’offerta didattica diversificata, con un corso completo di 60 CFU e, in aggiunta, tre moduli didattici per operatori interessati a specifiche tematiche: Dieta mediterranea e salute; Qualità e analisi delle produzioni agrarie e degli alimenti; Difesa dei prodotti agricoli ed alimentari da agenti biotici e abiotici.
Un segmento di domanda particolarmente interessante è quello riconducibile alla formazione e riqualificazione dei funzionari apicali e dirigenti della sanità pubblica, secondo la metodologia e la logica comunitaria del long life learning, fortemente e costantemente sostenuta dall’U.E. nell’ambito delle politiche per la valorizzazione delle risorse umane e, tra l’altro, ripresa in numerosi documenti di programmazione e rapporti della Commissione europea (per es. la nota “Strategia di Lisbona”). Tale esigenza discende dal fatto che in molti Paesi dell’UE le funzioni dirigenziali e responsabilità di alto livello sono ricoperte da persone che, pur sopperendo con la propria esperienza on the job, hanno una formazione di base inadeguata, superata o, comunque, datata.